Busto a Sinistra

uguaglianza, salute, ambiente, partecipazione, trasparenza

Diritto al lavoro e pari opportunità

… prosegue la pubblicazione del nostro programma… scarica il testo completo dalla pagina dedicata

7) Il diritto al lavoro e le pari opportunità

Una fase di miglioramento economico tende a favorire anche l’emancipazione di un popolo; invece in caso di stagnazione o recessione di un sistema economico basato sul profitto, i primi a farne le spese sono proprio i diritti civili conquistati.

E’ fin troppo evidente l’arretramento della qualità dell’ambiente lavorativo.il-lavoro-prima-di-tutto

Ci riferiamo alla precarietà del posto di lavoro e a come questa stia condizionando l’assetto dei rapporti sociali offrendo ai cittadini più deboli sempre minori garanzie di continuità e qualità, nonché di concreta riduzione della sicurezza.

Ecco perché l’Amministrazione Comunale deve essere in grado di allestire piani di intervento capaci, se non di attenuare immediatamente questa situazione, quanto meno di creare alcune condizioni perché l’iniziativa dei singoli o di nuove società, anche cooperative, trovi spazi di espressione nel territorio bustese: pensiamo fra l’altro anche a spazi pubblici in disuso che vengano riattivati per ospitare, in comodato d’uso temporaneo, start up, nuove iniziative artigianali o commerciali, nuove attività di servizio alla persona.

Pari_opportunitàAnche l’obiettivo delle pari opportunità fra donne e uomini sembra allontanarsi sempre di più, con le donne prevalentemente condannate dal ridimensionamento e de-potenziamento del welfare a farsi carico di un’infinità di mansioni extra lavorative (cura dei piccoli, degli anziani, dei malati, degli inabili).

BaS intende muoversi con determinazione ed efficacia per garantire autonomia alla donna, come pure rendere efficaci gli interventi pubblici nel settore della cura dei minori e delle persone in stato di bisogno, anche attivando proficue sinergie con il volontariato.
Tuttavia una forza politica che voglia governare la Città deve favorire anche le politiche del Lavoro:

  • Creazione di un tavolo di confronto-coordinamento con tutte le parti sociali atto a definire una politica per il lavoro condivisa da tutti gli attori;
  • Agire sulla macchina comunale coinvolgendo anche gli altri soggetti pubblici per poter snellire e ridurre le tempistiche per il rilascio di permessi/autorizzazioni, aumentando e migliorando al contempo i necessari controlli sul rispetto della legislazione vigente al fine di evitare iniziative produttive non conformi sotto il profilo ambientale, contando sulla aleatorietà dei controlli;
  • Favorire l’insediamento di nuove attività produttive eco-compatibili e non funzionali alla produzione bellica, anche realizzando un centro servizi nell’area industriale;
  • Creare una struttura (possibilmente gratuita per l’utenza) che abbia come compito interfacciarsi con la regione e la comunità europea per favorire progettualità principalmente indirizzate su iniziative di miglioramento ambientale e di riduzione degli impatti delle attività produttive e reperimento di risorse economiche a vantaggio delle imprese locali a ciò finalizzate;
  • Creare un collegamento tra la struttura sopra descritta, l’università, i centri di ricerca e le imprese.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 maggio 2016 da in Programma elettorale con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: