Busto a Sinistra

uguaglianza, salute, ambiente, partecipazione, trasparenza

Meno tasse sui redditi bassi, bilancio trasparente e partecipato

… prosegue la pubblicazione del nostro programma… scarica il testo completo dalla pagina dedicata

tasse-e-imposte

Riduciamo le imposte sui redditi bassi

6) Politiche di bilancio

BaS vuole introdurre un sistema fiscale fortemente progressivo, con attenzione ai ceti con reddito medio-basso e alle famiglie numerose. In particolare pensiamo alla riduzione dell’addizionale comunale IRPEF sui redditi più bassi, compensata da un incremento sui redditi elevati.

Il comune deve esercitare un ruolo attivo nella lotta all’evasione fiscale e contributiva attraverso accordi con l’Agenzia delle Entrate e la formazione del personale comunale allo svolgimento dei controlli. Poiché la legge prevede che il 33% delle maggiori somme riscosse dall’Agenzia delle
Entrate sia incamerata nelle casse comunali, in questo modo il comune avrà più risorse a disposizione. Bisogna inoltre fare una ricognizione degli sprechi e delle spese superflue o non prioritarie nei bilanci comunali e delle partecipate.

Nell’attuale situazione di emergenza le risorse così ricavate vanno prioritariamente destinate ai servizi sociali, per il sostegno delle famiglie in difficoltà economica e per prevenire il manifestarsi di
situazioni di disagio sociale.

Gli oneri di urbanizzazione vanno destinati alla realizzazione di opere pubbliche (parchi, arredo urbano, viabilità protetta, percorsi ciclabili, …) e al miglioramento della qualità edilizia sotto
l’aspetto energetico, in primis degli edifici pubblici.

BaS intende promuovere, già a partire dal prossimo anno, il bilancio partecipativo, coinvolgendo cittadine e cittadini nella decisionebilancio-partecipativo sulla destinazione di somme di denaro prestabilite per interventi di natura territoriale e/o tematica. Devono essere stabilite regole chiare per la gestione dei processi decisionali partecipativi, a partire da un’analisi delle migliori pratiche sperimentate in altri comuni.

Le società partecipate devono essere funzionali all’erogazione di servizi sulla base degli obiettivi dell’amministrazione e non feudi per l’esercizio del potere e per la coltivazione di clientele. Occorre pertanto, riguardo ai servizi gestiti dalle società AGESP (gestione del calore, del verde, degli
immobili comunali, dei rifiuti, manutenzione di strade, marciapiedi e tombini, progettazione e consulenze professionali, ecc.) pianificare le priorità di intervento ed esercitare un effettivo e stringente controllo, verificando l’effettiva rispondenza dei trasferimenti comunali ai servizi resi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 maggio 2016 da in Programma elettorale con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: